Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone

DILEF - Dipartimento di Lettere e Filosofia

Seminario di Logica e Filosofia della Scienza

 

Seminario di Logica e Filosofia della Scienza

Sezione di Filosofia

Via Bolognese 52, aula 5

orario: 11.00-13.00
(salvo diversa comunicazione)

 

 

venerdì 19 maggio 2017, ore 11:00


Nicola Olivetti e Marianna Girlando
(Aix-Marseille Université, Marseille)

 

Logiche condizionali: dalla semantica ai sistemi di dimostrazione

  • Parte 1: Introduzione alle logiche condizionali, motivazioni e semantica
  • Parte 2: Calcoli di sequenti interni ed esterni per le logiche condizionali


Abstract: Le logiche condizionali estendono il linguaggio della logica classica proposizionale con un nuovo connettivo per rappresentare enunciati (ad esempio, controfattuali) che non possono essere catturati dall’implicazione materiale classica. Al dil là delle motivazioni filosofiche di partenza, le logiche condizionali hanno trovato interesse e applicazioni in vari campi della rappresentazione della conoscenza (e dell’intelligenza artificiale).
Nella letteratura sono state introdotte varie semantiche per le logiche condizionali, tutte basate su differenti tipi di modelli a mondi possibili. Lo sviluppo di metodi deduttivi per le logiche condizionali non ha ancora raggiunto lo stato di maturità di quelli per altre famiglie di logiche, etenstioni o alternative alla logica classica, quali le logiche modali o la logica intuizionista.
Ci proponiamo di fare il punto sullo sviluppo di sistemi di dimostrazione per le logiche condizionali presentando calcoli di sequenti analitici, interni ed esterni, introdotti recentemente. I cacoli presentati sono basati sulle varie semantiche e catturano la maggior parte delle logiche condizionali, lasciando tuttavia problemi aperti significativi.

 

==========================================================================================================

 

venerdì 12 maggio 2017


Vincenzo De Risi
(Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte, Berlin/Universität Leipzig)

Euclide e lo spazio. L’assiomatizzazione della geometria in età moderna


Abstract: Il seminario prenderà in esame le trasformazioni dell’assiomatica negli "Elementi" di Euclide dall’antichità alla prima età moderna. Saranno trattati temi quali il problema della continuità e dell’incidenza in geometria elementare, il rapporto fra ragionamento logico e diagrammatico, e il ruolo della nozione di spazio nell’assiomatica moderna.

 

=========================================================================================================



venerdì 5 maggio 2017


Marco Maggesi
(Università di Firenze)

Teoria della computabilità in HOL
(in collaborazione con Andrea Gabrielli)


Abstract: Descriveremo l'implementazione delle macchine di Turing in HOL Light e la dimostrazione formale di alcuni risultati preliminari di teoria della computabilità.  Il lavoro presentato è il risultato iniziale di un progetto in corso, di cui verranno discusse alcune possibili direzioni di sviluppo.

 

==========================================================================================================

 

venerdì 28 aprile 2017

 

Zlatan Damnjanovic
(University of Southern California, Los Angeles)

 

On Weak Fragments of Set Theory and Arithmetic"


Abstract: An elementary theory of concatenation, QT^+, is introduced and used to establish mutual interpretability of Robinson arithmetic, Minimal Predicative Set Theory of Montagna and Mancini, quantifier-free part of Kirby's finitary set theory, and Adjunctive Set Theory, with or without extensionality.

 

========================================================================================================

 

venerdì 7 aprile 2017

 

Nick Treanor
(University of Edinburgh)

 

Truth and Truthiness

 

Abstract: The notion of more truth, or of more truth and less falsehood, is central to epistemology. Yet we have no idea what this consists in, as the most natural or obvious thing to say – that more truth is a matter of a greater number of truths, and less falsehood is a matter of a lesser number of falsehoods – is ultimately implausible. The issue is important not merely because the notion of more truth and less falsehood is central to epistemology, but because an implicit but false picture of what this consists in underpins or gives shape to much contemporary epistemology.

===============================================================================================

 

venerdì 31 marzo 2017

Gerhard Jaeger
(Universität Bern)

 

Operations and Sets: a Historical Perspective

 

Abstract: Starting from some developments in the early days of set theory, I will describe some concepts and approaches that lead to what is known today as operational set theory. In doing that I will try to look at some of these principles from a more modern perspective. The focus of this talk is more on general ideas than on technical results

 

================================================================================================

 

venerdì 24 marzo 2017

 

Guglielmo Tamburrini
(Università di Napoli "Federico II")

 

Le macchine  autonome dell'IA: problemi etici ed epistemologici

 

=========================================================================================

 

venerdì 17 marzo 2017

 

Marcello D'Agostino
(Università di Milano)

 

An Informational View of Classical Logic

 

=========================================================================================

 

Venerdì 10 marzo 2017



Marko Malink                 and          Anubav Vasudevan
(New York University)                    (University of Chicago)

 

The Peripatetic Program in Categorical Logic: A Leibnizian Approach

 

Abstract: The ancient Greeks developed two competing systems of logic: Aristotle's categorical logic and Stoic propositional logic. Peripatetic logicians attempted to establish the priority of categorical over propositional logic. Stoic logicians rejected this Peripatetic program, pointing out that categorical logic relies on propositional modes of reasoning such as reductio ad absurdum. In the 17th century, the Peripatetic program was revived by Gottfried Wilhelm Leibniz. Following Leibniz, we develop a purely categorical calculus in which every proposition is of the form "Every A is B". We show that this calculus is strong enough to derive all the laws of classical propositional logic, including reductio ad absurdum. Moreover, we show that the propositional logic generated by the non-monotonic fragment of this categorical calculus is the relevance logic RMI.

 


 

=====================================================================================

 

Anno 2016

 

Anno 2015

 

Anno 2014

 

Anno 2013

 


 
ultimo aggiornamento: 15-Mag-2017
Unifi Home Page

Inizio pagina